Documenti collegati

Atti

Metodo tariffario servizio integrato di gestione dei rifiuti – Domande e risposte

Testo integrato pdf

1. Gestore ed Ente territorialmente competente

2. Perimetro del servizio integrato e driver per l'allocazione dei costi

3. Costi e ricavi riconosciuti

4. Costi operativi

5. Costi d'uso del capitale

6. Normativa vigente

1. Gestore ed Ente territorialmente competente

1.1. Quali sono i soggetti tenuti alla predisposizione del piano economico finanziario?

I soggetti tenuti a predisporre il piano economico finanziario (di seguito: PEF) sono il gestore o i gestori del servizio integrato di gestione dei rifiuti, anche differenziati, urbani e assimilati, ivi inclusi i Comuni che gestiscono il servizio in economia.
Qualora un servizio o una porzione dello stesso sia affidato ad uno o più gestori (ossia siano operativi più gestori nell'ambito del servizio integrato di gestione dei rifiuti), gli obblighi regolatori ricadono su tutti i gestori. Spetta all'Ente territorialmente competente verificare che tali soggetti siano identificabili come gestori del servizio, ovvero come soggetti effettivamente responsabili della gestione o, piuttosto, come meri prestatori d'opera.

1.2. I meri prestatori d'opera sono tenuti alla predisposizione del PEF?

Ferme restando le disposizioni contrattuali che regolano i rapporti fra Enti territorialmente competenti e meri prestatori d'opera, questi ultimi non sono tenuti a predisporre il PEF ai sensi del metodo tariffario rifiuti (di seguito: MTR).

1.3. L'Ente territorialmente competente può coincidere con il gestore?

Sì, ad esempio qualora l'ente locale gestisca in economia il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani e assimilati ovvero un singolo servizio che lo compone, oppure qualora abbia affidato porzioni del servizio a soggetti terzi identificati come meri prestatori d'opera.

1.4. Possono identificarsi più soggetti gestori tenuti all'adempimento delle disposizioni regolatorie?

Sì, qualora le attività del servizio siano affidate a più soggetti gestori e tali soggetti siano indentificati come tali dall'Ente territorialmente competente.

1.5. Le funzioni attribuite all'Ente territorialmente competente possono comprendere attività che devono essere svolte sia da parte dell'Ente di governo dell'ambito, sia da parte degli enti locali ricadenti nel medesimo territorio?

Sì, in tal caso le disposizioni regolatorie si applicano sia all'Ente di governo d'ambito sia agli Enti Locali, ognuno per gli aspetti di rispettiva competenza.

1.6. Nel caso in cui i servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani e/o di spazzamento e lavaggio strade siano affidati, a seguito di gara a evidenza pubblica, ad un RTI, a chi compete l'onere di trasmissione della documentazione di cui alle appendici 1, 2, 3 del MTR?

Premesso che, ai sensi del comma 1.5 della deliberazione 57/2020/R/RIF, spetta all'Ente territorialmente competente identificare i gestori del servizio come effettivamente responsabili della gestione escludendo i meri prestatori d'opera, nel caso di RTI a cui sia affidato il servizio integrato di gestione dei RU ciascun operatore partecipante al raggruppamento identificato come gestore è destinatario della regolazione dell'Autorità e, dunque, individualmente responsabile dell'adempimento agli obblighi previsti dalla medesima, ivi inclusi quelli di predisposizione e trasmissione del PEF. In ogni caso è consentito alla mandataria di assolvere agli obblighi di trasmissione per conto delle mandanti.

2. Perimetro del servizio integrato e driver per l'allocazione dei costi

2.1. Il MTR stabilisce i driver attraverso cui possono essere ripartiti i costi generali di gestione?

L'MTR non individua i driver attraverso cui devono essere ripartiti i costi di gestione. Tali driver sono individuati sulla base di criteri di ragionevolezza ed in ogni caso si possono continuare a seguire le usuali modalità di attribuzione dei costi alle voci del PEF, posto che non confliggano con quanto indicato nel MTR.

2.2. Come possono essere allocati alle singole gestioni comunali i costi relativi alla gestione del servizio sostenuti dal gestore?

Nelle more della definizione dei criteri di separazione contabile da parte di ARERA, l'attribuzione dei costi del gestore alle varie gestioni (Comuni) può essere effettuata in base a criteri aziendali, fatta salva l'approvazione da parte dell'Ente territorialmente competente, anche in continuità con quanto disposto precedentemente all'entrata in vigore del MTR; a tal fine è fondamentale che i suddetti criteri, in assenza di possibilità di imputazione diretta dei costi alle singole gestioni, siano sempre ricostruibili ed evidenzino l'utilizzo di driver ritenuti adeguatamente rappresentativi del costo sostenuto.

2.3. Possono essere considerate come attività del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani le operazioni di pulizia caditoie, consistenti nell'apertura delle griglie con eliminazione delle foglie e altri rifiuti, e non comprendenti le più complesse operazioni di pulizia della condotta fognaria?

Sì, le attività indicate nel quesito possono rientrare nel perimetro del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, qualora già ricomprese nel medesimo servizio integrato negli anni precedenti.

2.4. Si chiede se la "gestione del verde pubblico" includa anche l'attività di diserbo, oppure se tale attività rientri nello "spazzamento e lavaggio strade"

L'attività di diserbo rientra nella "gestione del verde pubblico" e pertanto tra le "attività esterne al ciclo integrato dei rifiuti urbani" di cui all'art. 1, comma 1, del MTR.

3. Costi e ricavi riconosciuti

3.1. Con riferimento alla componente ARa, questa esclude, oltre ai ricavi da corrispettivi riconosciuti dal CONAI (attraverso i relativi consorzi di filiera), anche quelli da corrispettivi riconosciuti da consorzi diversi da CONAI?

La voce ARa include, tra gli altri, i ricavi derivanti dai corrispettivi relativi a frazioni di rifiuti oggetto di gestione da parte di consorzi (o altri tipi di organizzazione) diversi da CONAI.

3.2. Con riferimento a quanto disposto all'art. 1, comma 6 della determinazione 02/DRIF/2020 in merito alla continuità della modalità di valorizzazione dei ricavi da incentivi all'energia prodotta da fonti rinnovabili,  tale principio di continuità deve ritenersi riferito alle modalità di calcolo dei suddetti ricavi (considerando, per esempio, valori di previsione in luogo di valori di consuntivo dell'anno a-2), oppure al fatto che i ricavi da incentivi all'energia rinnovabile siano computati o meno nella componente ARa in continuità con la regolazione preesistente (la quale, per esempio, poteva non prevedere un meccanismo di sharing dei proventi)?

I ricavi derivanti da incentivi all'energia prodotta da fonti rinnovabili possono essere computati o meno nella componente ARa in continuità con la regolazione preesistente e fanno in ogni caso riferimento ai valori di consuntivo dell'anno a-2.

3.3. I costi e i ricavi di natura straordinaria, compresi quelli riferiti ad annualità precedenti agli anni oggetto della raccolta dati, devono essere esclusi dal calcolo? Le plus/minus valenze registrate a bilancio dell'anno (a) relative ad acquisti o cessioni dell'anno precedente sono escluse dalla valorizzazione dei costi efficienti, in quanto non costituenti voci di natura ricorrente?

I costi e ricavi di natura straordinaria, incluse minusvalenze e plusvalenze, sono esclusi dalla valorizzazione dei costi efficienti.

4. Costi operativi

4.1. I proventi relativi alla ripartizione, da parte delle Regioni, del gettito del tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi istituito dall'art.3, comma 24 della legge 28 dicembre 1995, n. 549, possono essere considerati nel PEF predisposto ai sensi del MTR?

Ai sensi del MTR, i proventi relativi alla distribuzione del gettito della cosiddetta "ecotassa" sono contabilizzati, nel rispetto della normativa rilevante in vigore, (in detrazione) nella componente COAL,a, inclusa nei costi operativi comuni, dandone separata evidenza nella relazione di accompagnamento alla proposta tariffaria.

4.2. È possibile specificare i criteri di ripartizione dei costi delle operazioni effettuate presso gli impianti di trattamento meccanico-biologico, ai fini della determinazione delle componenti CTSa e CTRa? (comma 7.9 dell'Allegato A alla deliberazione 443/2019/R/rif)

Nelle more di eventuali interventi futuri di questa Autorità, l'applicazione dei criteri di cui al comma 7.9 del MTR deve essere effettuata dal gestore impiegando i migliori driver a disposizione, anche sulla base di dati trasmessi dall'operatore che gestisce gli impianti in questione; i suddetti driver devono essere illustrati nella relazione di cui al comma 6.2, lettera b) della deliberazione 443/2019/R/RIF e, successivamente riportati nella relazione di accompagnamento al PEF di cui al comma 18.3 e all'Appendice 2 del MTR, in modo da consentire la verifica della corrispondenza tra i valori riportati nella modulistica e i valori desumibili dalla documentazione contabile di riferimento tenuta ai sensi di legge.

4.3. Nel caso di miglioramenti della qualità del servizio erogato realizzati nel 2019 (per esempio attraverso il passaggio da raccolta stradale a raccolta domiciliare) i cui costi non sono riconoscibili nel piano economico finanziario 2020, in quanto questo è basato sui costi effettivi del 2018, è possibile utilizzare le componenti COI?

Le componenti prospettiche COI si applicano solo con riferimento ai costi sostenuti a partire dal 2020.

5. Costi d'uso del capitale

5.1. Con riferimento al perimetro delle immobilizzazioni di cui al comma 11.1 del MTR, un cespite uscito dal ciclo produttivo nel 2019 può essere ricompreso nel perimetro delle immobilizzazioni dell'anno (a-2)?

Ai fini della determinazione dei costi d'uso del capitale per l'anno 2020 (a), il perimetro delle immobilizzazioni comprende i cespiti in esercizio al 31/12/2018 (a-2), così come desumibili dalle fonti contabili obbligatorie. Pertanto, nel caso in esame, la dismissione di un cespite nell'anno 2019 avrà effetto sulla determinazione delle tariffe 2021.

5.2. Con riferimento ai contributi in conto capitale erogati da enti pubblici, l'anno di attribuzione è quello in cui il cespite che ha beneficiato del contributo è entrato in funzione oppure l'anno in cui il contributo è stato incassato?

L'anno a cui attribuire i contributi in questione è quello in cui sono stati incassati.

5.3. Come si calcolano e si aggiornano i valori delle immobilizzazioni nette e del fondo di ammortamento nel periodo di regolazione 2018-2021?

Il riferimento a partire dal quale calcolare il fondo di ammortamento (di seguito: FA) nell'intero periodo di regolazione è il dato desumibile dal bilancio 2017, vale a dire quello riferito alle immobilizzazioni presenti in bilancio al 31 dicembre 2017 (FA2017). Gli aggiornamenti del fondo di ammortamento nelle annualità successive vengono determinati a partire da tale valore, incrementando FA delle quote di ammortamento riconosciute ai fini tariffari.
I valori delle immobilizzazioni nette sono calcolati secondo le disposizioni del MTR, considerando il valore del fondo di ammortamento come sopra calcolato e tenendo presente che:

  • per la determinazione dei costi dell'anno 2018 e dell'anno 2019, si deve far riferimento alle immobilizzazioni presenti nel bilancio dell'anno 2017;
  • per la determinazione dei costi degli anni 2020 e 2021, si deve far riferimento alle immobilizzazioni presenti in bilancio dell'anno (a-2), vale a dire rispettivamente gli anni 2018 e 2019.

5.4. Con riferimento agli accantonamenti ammessi al riconoscimento tariffario di cui al comma 14.1 del MTR, è possibile assimilare agli accantonamenti effettuati ai fini della copertura dei costi di gestione post-operativa delle discariche autorizzate e dei costi di chiusura, quelli relativi al ripristino ambientale dei siti attualmente occupati da impianti di trattamento dei rifiuti urbani che dovranno essere dismessi?

Sì, è possibile, a condizione che gli accantonamenti in questione siano effettuati ai sensi della normativa vigente.

6. Normativa vigente

6.1. Le "Linee guida per la redazione del piano finanziario e per l'elaborazione delle tariffe" di cui al progetto "Sviluppo della capacità di monitorare l'andamento dei costi di servizi e funzioni pubbliche nella prospettiva di federalismo fiscale", disponibili sul sito www.finanze.it, continuano ad essere applicate in seguito all'entrata in vigore della deliberazione 443/2019/R/RIF e del MTR?

I gestori possono continuare a fare riferimento alle citate linee guida ai fini della predisposizione del PEF qualora queste non confliggano con il MTR in quanto, a partire dal 2020, i costi da inserire nel PEF devono essere determinati in coerenza con quanto disposto da tale metodo.

 

pagina aggiornata 12 giugno 2020

Tag: tariffe