Seguici su:






Atti e documenti

Opzioni tariffarie base per l'anno termico 2001-2002 Distribuzione e fornitura del gas

Sono pubblicate qui di seguito le opzioni tariffarie relative al servizio di distribuzione e di fornitura del gas presentate dagli esercenti per l'anno termico 2001/2002 ai sensi della deliberazione 31 luglio 2003, n. 87/03, recante integrazioni e modifiche della delibera n. 237/00 e approvate dall'Autorità con delibere:

  • n. 161/03 del 23 dicembre 2003
  • n. 9 del 5 febbraio 2004.
  • n. 42 del 26 marzo 2004
  • n. 43 del 26 marzo 2004 (con tale provvedimento sono state approvate le rettifiche di proposte di opzioni tariffarie base per gli anni termici 2001-2002 e 2003-2004 presentate da alcuni esercenti)
  • n. 101 del 24 giugno 2004
  • n. 130 del 27 luglio 2004
  • n. 172 del 30 settembre 2004

Via via che verranno approvate le restanti opzioni tariffarie, la pubblicazione verrà contestualmente aggiornata.

La ricerca è possibile per impresa (titolare) oppure per località servita.

 anno termico 2002/2003

 anno termico 2003/2004

La tariffa di distribuzione è data da:

  • una quota fissa che
    • per i clienti che consumano più di 200.000 mc/anno è espressa in Euro/anno per mc/giorno
    • per i clienti che consumano meno di 200.000 mc/anno è espressa in Euro/anno/cliente:
      • per scaglioni di consumo
      • o, in alternativa, per classe di contatori:
  • una quota variabile riferita ai consumi espressa in centesimi di Euro/MJ
  • una eventuale quota aggiuntiva, richiesta dal Comune, destinata alle spese per la fornitura del gas a clienti in condizioni economiche disagiate, anziani e disabili.

L'impresa ha la facoltà di scegliere in quale proporzione ripartire la tariffa tra quota fissa e quota variabile.

La tariffa di fornitura è data da:

  • una quota fissa (la stessa della tariffa di distribuzione)
  • una quota variabile riferita ai consumi, espressa in centesimi di Euro/MJ, composta da:
    quota variabile della tariffa di distribuzione sopra indicata + quota di vendita al dettaglio + quota materia prima