Obiettivi Strategici e linee di intervento 2022-2025: temi trasversali

A. Il consumatore consapevole

B. Coordinamento su aspetti regolatori intersettoriali

C. Valorizzare, nel processo della transizione ecologica, le specificità del sistema nazionale in ambito europeo e internazionale

D. Efficienza, efficacia, trasparenza amministrativa e semplificazione

 

A. Il consumatore consapevole

L'azione dichiarata dell'Autorità, nel precedente Quadro Strategico, è stata quella di agevolare la trasformazione dei consumatori* in attori consapevoli dei settori regolati, sebbene con strumenti e tempi diversi, nei settori energetico e ambientale.

Con il superamento delle tutele di prezzo del settore energetico emerge, con urgenza, la necessità che il consumatore sviluppi ulteriormente tale consapevolezza, acquisendo la capacità di valutare meglio le proprie esigenze in termini quantitativi e qualitativi e operare di conseguenza scelte efficienti. A tal fine, l'Autorità intende rafforzare e ampliare, in modo sostanziale, il set di strumenti informativi e formativi a disposizione del consumatore facendo leva, tra l'altro, sulle opportunità offerte dallo sviluppo tecnologico e la digitalizzazione fornendogli al contempo gli strumenti per orientare le proprie scelte non solo in base ai segnali di prezzo ma anche alla qualità dei servizi offerti.

L'Autorità prevede, inoltre, di accrescere ulteriormente il sistema di tutele non di prezzo, a disposizione del consumatore estendendole, ad esempio, agli utenti finali del settore rifiuti e alle Comunità energetiche. In questa prospettiva, va collocata la focalizzazione dell'attività di controllo per assicurare la trasparenza, nei rapporti clienti finali-venditori, anche in relazione ai corrispettivi applicati.

Il rafforzamento degli strumenti delle tutele non di prezzo e dell'informazione a disposizione del consumatore sarà accompagnato, come specificato meglio nel proseguo del documento, da specifici strumenti regolatori che ne integreranno l'impatto finalizzati a promuovere un funzionamento efficiente e partecipato dei mercati retail, tutelare i clienti vulnerabili e minimizzare i rischi per il sistema.

Agli strumenti regolatori sopra citati si affianca inoltre il rafforzamento degli strumenti di tutela dei consumatori che si trovano in oggettive condizioni di difficoltà, legate a situazioni di disagio fisico e socioeconomico, nonché a condizioni emergenziali derivanti da eventi eccezionali: a tal fine l'Autorità prevede non solo di perfezionare l'automatismo nell'erogazione del bonus sociale, ma altresì di definirne le modalità attuative, anche per il settore rifiuti.

Infine, risulta ormai improcrastinabile l'adozione dell'Albo venditori. L'Autorità, per quanto di competenza darà impulso al processo di qualifica di venditori affidabili e finanziariamente solidi.

OS.1 Promuovere l'empowerment del consumatore

OS.2 Rafforzare le tutele per i consumatori in condizioni di disagio

OS.3 Tutelare e promuovere la trasparenza e la correttezza nei rapporti clienti finali-venditori e gestori-utenti


* Con il termine "consumatore" ci si riferisce in modo trasversale ai clienti dei settori energetici (energia elettrica e gas) e agli utenti dei servizi ambientali (servizio idrico integrato e ciclo dei rifiuti), domestici e non domestici di piccola dimensione, laddove non diversamente specificato.

 

B. Coordinamento su aspetti regolatori intersettoriali

La regolazione delle infrastrutture, nei diversi ambiti, energetico e ambientale, pur nel rispetto delle specificità settoriali, condivide da tempo alcuni strumenti regolatori fondamentali, quali, ad esempio, la separazione contabile delle attività (unbundling contabile) nonché l'indirizzo volto a promuovere l'innovazione. Nei prossimi anni, verranno consolidati tali sviluppi in ambedue i settori di intervento, mentre gli interventi regolatori di carattere strategico, in particolare, saranno orientati verso gli obiettivi di sostenibilità ambientale.

OS.4 Definire un quadro unitario della separazione contabile in tutti i settori regolati

OS.5 Promuovere l'innovazione

OS.6 Orientare la regolazione strategica verso gli obiettivi di sostenibilità sociale, economica e ambientale


C. Valorizzare, nel processo della transizione ecologica, le specificità del sistema nazionale in ambito europeo e internazionale

Parallelamente all'implementazione del "Clean Energy Package" nei prossimi anni sarà necessario orientare l'attenzione dell'Autorità alle proposte legislative della Commissione UE del c.d. "Pacchetto Fit for 55. Fra queste, in particolare, le propose del

c.d. "Pacchetto di decarbonizzazione", presentato il 15 dicembre 2021, che propone un nuovo quadro di regole per gli sviluppi futuri del settore del gas metano, dell'idrogeno e dei gas rinnovabili richiederanno un'attenzione particolare alla luce della dipendenza del Paese dal gas naturale, sia per usi domestici che industriali, esacerbata dalle recenti dinamiche di prezzo.

Altrettanta attenzione andrà rivolta ai processi di integrazione del mercato europeo, e di questo con i Paesi terzi, confinanti con l'Unione. Lo sviluppo di best practice regolatorie, con i regolatori delle aree vicinali, sarà necessario per affrontare un processo di transizione ecologica che non può, per sua stessa natura, essere limitato ai confini dell'Unione.

Inoltre, il Green Deal Europeo prefigura una serie di obiettivi a tutela dell'ambiente in ambiti di competenza dell'Autorità, tra cui la riduzione dei livelli di inquinamento delle risorse idriche e la transizione ad un'economia circolare. In particolare, per i settori dei servizi idrici integrati e dei rifiuti, si fa qui riferimento alle proposte della Commissione europea relative al Piano "inquinamento zero" che prevede una netta riduzione della quantità di plastiche e microplastiche rilasciate nelle acque e nell'ambiente entro il 2050 e al Piano "economia circolare", che promuove un consumo sostenibile nei settori a più elevato potenziale di circolarità, tra cui quello idrico.

In vista di tali sviluppi, l'Autorità intende rafforzare le interazioni con gli stakeholder sulle tematiche europee, in particolare nella fase di definizione del quadro regolatorio di riferimento.

OS.7 Promuovere lo sviluppo di regole europee coerenti con il sistema regolatorio nazionale

OS.8 Supportare l'integrazione delle aree extraeuropee d'interesse strategico e condividere le best practice regolatorie


D. Efficienza, efficacia, trasparenza amministrativa e semplificazione

L'azione dell'Autorità è da sempre informata ai principi di efficienza, efficacia e trasparenza amministrativa.

Al fine di rafforzare ulteriormente questi importanti principi nella propria azione amministrativa, l'Autorità intende ottimizzare l'organizzazione delle attività interne, in un'ottica di ulteriore miglioramento della produttività e di razionalizzazione e trasparenza dei processi, a beneficio di tutti gli stakeholder.

In tema di trasparenza, occorre, altresì, rilevare che l'Autorità è da sempre impegnata nel rafforzare le misure per la trasparenza e la prevenzione della corruzione, previste nel Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza e declinate quali obiettivi prioritari dell'amministrazione, insieme al rispetto della normativa in materia di privacy.

L'Autorità intende, inoltre, consentire una migliore fruibilità dei dati e delle informazioni a propria disposizione, garantendo un accesso semplificato e dinamico, anche attraverso un rinnovamento del proprio sito web, e ampliando al contempo l'offerta degli strumenti conoscitivi.

Infine, l'Autorità intende fissare un ulteriore obiettivo strategico, volto alla semplificazione e razionalizzazione del complesso delle disposizioni e degli strumenti regolatori, nella direzione di promuoverne la compliance regolatoria.

OS.9 Ottimizzare la fruizione di dati e informazioni a vantaggio degli stakeholder

OS.10 Promuovere la valutazione dell'impatto regolatorio e la verifica della compliance

OS.11 Migliorare l'organizzazione e la produttività del lavoro, promuovere la formazione e lo sviluppo delle competenze e il benessere organizzativo

OS.12 Favorire la Digital Transformation per una gestione più efficiente e trasparente dei processi

 


scarica file excel Cronoprogramma

 

▶ indice